[Recensione Indie] Empty Head - Montironi Games
1049
post-template-default,single,single-post,postid-1049,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-3,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

[Recensione Indie] Empty Head

[Recensione Indie] Empty Head

Salve a tutti!! Mi trovo qui a recensire un nuovo gioco che mi è stato richiesto, il gioco è stato creato da Cutisbae e il suo nome è Empty Head.

Un padre per niente perfetto

La storia di Empty Head ruota attorno ad Arold, un padre di famiglia di professione avvocato. Arold non viene ben visto dalla sua famiglia per via del suo comportamento verso i figli e la moglie, e per la sua dipendenza dall’Alcool. E saranno proprio questi elementi fondamentali a capire bene il carattere di Arold. Il gioco è di carattere psicologico/horror utilizzando anche la psicologia di Freud e del risolvere i propri problemi del nostro inconscio per poter arrivare alla radice del nostro problema. Sebbene il gioco è molto concentrato sulla trama non è stato comunque facile elaborare una piccola storia di questo calibro, ogni elemento riesce a collegarsi bene dal primo all’ultimo minuto di gioco, senza buchi trama o cose create a caso, tutto ruota su uno schema ben preciso.

Mapping molto artistico

Le mappe di gioco, e gli elementi che ne fanno parte hanno tono molto da primi del Novecento, l’autrice ha rimosso l’idea dei nani compressi del VX Ace (e ha fatto bene) per fare spazio a personaggi dal tono maturo e reale. Unica piccola pecca sono le mappe esterne che meritavano una piccola cura nei dettagli, ma comunque gli interni e i suoi elementi non hanno stonature particolari da un oggetto all’altro. Il tutto caratterizzato anche da dei buoni Artwork che accompagnano le scene di gioco.

Enigmi ben studiati

Il gioco è caratterizzato da un bel po’ di enigmi e puzzle da risolvere, quelli dove mi hanno messo alla prova sono è quello degli specchi e l’enigma finale del gioco. Gli enigmi non risultano molto banali ma neanche troppo complessi, sono ben strutturati e caratterizzati per ogni tipologia, possiamo avere a che fare con gli Enigmi dove bisogna trovare una chiave nascosta, oppure una semplice password. Il gioco ci regala darà a disposizione tre finali che saremo noi a decidere le conseguenze del nostro protagonista Arold. L’unico difetto di questo gioco è che ha una fine e mi sarebbe piaciuto una bella longevitá di almeno 5 ore.

 

 

Voto: 8.8/10

Giudizio finale

Empty Head si è dimostrato un ottimo titolo sia per la sua trama che per il suo Gameplay, l’autrice ha saputo curare ogni piccolo dettaglio creando così una piccola perla. Ci sono alcune ambientazioni esterne che avrebbero meritato piú dettagli, e sarebbe stato bello se il gioco avesse avuto una longevitá maggiore. Resta comunque un titolo sicuramente da giocare dall’inizio alla fine.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.